domenica 11 maggio 2008

La fiera del libro di Torino e Mangia come scrivi

Sono reduce dai due giorni della Fierea del Libro di Torino. E' stata un'esperienza meravigliosa. Primo perché il contesto era davvero speciale, poi perché ho conosciuto persone veramente splendide, i miei amati lettori che mi hanno chiesto numerosi autografi (un po' me la tiro) e i miei colleghi scrittori che fanno parte della folta schiera degli italiani esordienti. Finalmente ho conosciuto Mauro Saracino, l'autore di La casa del Demone (Asengard edizioni), Luca "Solomon Troy Cassini", autore di Le ali del drago caduto, e Francesca Angelinelli, autrice di Chariza e il soffio del vento (il link al suo blog è nei menù sulla sinistra).
Chiunque non sia stato alla Fiera del Libro non può che immaginare il pathos che vi regnava. In due giorni non sono riuscito a girarla tutta e sono comunque tornato carico di libri. Ho comunque alcune critiche da fare: la prima se la beccano gli organizzatori che pretondono 8 euro di ingresso (e non ti permettono di uscire per poi rientrare con lo stesso biglietto) e 2,50 euro per i bambini (per i bambini!), la seconda le "grandi" case editrici che non praticano nemmeno un piccolo sconto per la fiera. Disgustorama!
Parliamo d'altro.
Questo giovedì sono ospite (assieme a Mauro Raccasi, Giulio Leoni e Claudio Casti di Mangia come Scrivi, evento gastronomico-letterario che si terrà alla Trattoria Il Cigno Nero di Montechiarugolo (PR). Un'altra occasione per fare esperienza. Ecco un'immagine della pagina del sito!
A presto.

4 commenti:

Mauro ha detto...

Concordo: esperienza assolutamente magnifica (un pò meno gli euro che ci hanno scucito tra ingresso e cibo). Comunque quando volete passare a Roma siete i benvenuti. Dovremmo avere "Spizzico" da qualche parte anche noi ah ah!

Paolo Veroni ha detto...

Ti avevo detto che sarei venuto al Mangia come scrivi, ma purtroppo non potrò esserci. Un infortunio al legamento crociato anteriore mi costringe con una stampella. Spero in altra occasione.
Tra l'altro mi è costato anche la fiera del libro. :(

Uberto Ceretoli ha detto...

Accidenti Paolo, mi spiace davvero per il crociato; rimettiti mi raccomando!
La fiera del libro era incredibile ma non ti preoccupare, ti rifarai con quella dell'anno prossimo!
A presto.

Francesca ha detto...

Concordo anche io! Che poi tutti gli anni mi domando perchè gli stand delle grandi case siano pieni... i loro libri si trovano in tutte le librerie d'Italia! Perchè il pubblico delle Fiera non presta più attenzione a quegli editori e a quei titoli che magari non riempiono anche gli scaffali dei supermercati? Mah...
E sul fatto di sucire... Scandalosi! Non han messo nemmeno una panchina per sedersi e non c'era un solo buco per fermarsi un attimo! Un buon modo per costringerti ad usare i loro punti ristoro?